Bussana vecchia hippy e artisti: benvenuti sull’isola che non c’è

bussana vecchia

A Bussana vecchia hippy e artisti la fanno da padroni e, per un giorno, ci siamo uniti a loro, tra brindisi, felicità, creatività e uno spirito di condivisione mai visto prima.

bussana-vecchia-liguria-(1)

Bussana vecchia hippy e artisti

Ho sempre amato le storie a lieto fine, quelle che iniziano con una piccola grande tragedia e finiscono con la felicità (e una tantino di adrenalina). Quelle che ti fanno vivere col fiato sospeso, che ti fanno battere forte il cuore e che, anche se solo per qualche istante, ti fanno capire che la magia esiste, esiste davvero.

Durante il mio viaggio in liguria ne ho conosciuta una, l’ho vissuta in prima persona e oggi ve la racconto in un mix di colori, sapori e pazzia, sì, pazzia (quella sana, quella buona) perchè a Bussana vecchia hippy e artisti sono i protagonisti indiscussi.

bussana-vecchia-liguria-(13)

Bussana vecchia hippy e artisti: benvenuti sull’isola che non c’è

Vi fu un tempo, quando la tecnologia ancora non esisteva e la vita era molto più semplice, in cui un piccolo borgo sulla cima di una collina alle spalle di Sanremo era popolato da allegri contadini e piccoli borghesi.

bussana-vecchia-liguria-(12)

Tutti vivevano felici, amavano il loro piccolo angolo di paradiso. Si narra che ogni sera, lungo le strette vie del paese, gli abitanti si ritrovassero per un buon bicchiere di vino Rossese, il più buono dell’intera contea, e quattro chiacchiere in compagnia.

Il tempo passava, il popolo cresceva e la vita era sempre più bella quando, nel 1887, accadde l’inimmaginabile. L’intero borgo di Bussana Vecchia venne distrutto da un violento terremoto, le case vennero rase al suolo, anni e anni di lavoro vennero persi per sempre e tutti gli abitanti scapparono con la promessa di non ritornare mai più in quel paese che aveva dato loro tanta gioia per poi toglierla, in qualche frazione di secondo.

bussana-vecchia-liguria-(19)

Gli anni passarono, il paese venne completamente dimenticato e divenne un vero e proprio comune fantasma, venne addirittura eliminato dal registro statale dei Comuni e tutti i vecchi abitanti decisero di rimuoverlo per sempre dai loro pensieri, iniziando una vita nuova, Bussana vecchia rimase per lungo tempo un lontano ricordo nella mente di qualche anziano che non perse mai la speranza di tornare a vivere in quel piccolo paese che gli aveva tolto tutto ma che, allo stesso tempo, gli aveva regalato così tanto.

bussana-vecchia-liguria-(20)

Passarono 70 lunghi anni prima che Clizia, un’artista torinese, decidesse di trasferire la sua bottega nel borgo abbandonato di Bussana Vecchia. Erano gli anni ’60 e, da quel giorno, il borgo di Bussana Vecchia iniziò a vedere una nuova luce.

Decine e decine di artisti da tutto il mondo si trasferirono in questo piccolo borgo abbandonato, affascinati da quel posto sospeso nel tempo. Tutto era rimasto invariato: i muri crollati, la strade distrutte e le lacrime dei vecchi abitanti tra le macerie, insieme a qualche sorriso di speranza di chi, in fondo in fondo, sapeva che tutto sarebbe rinato.

bussana-vecchia-liguria-(17)

I nuovi abitanti del borgo iniziarono a recuperare le case più agibili e a ristrutturare gli edifici, sempre nel rispetto delle caratteristiche del luogo. Lo Stato qui non arrivava (e non arriva tutto’ora) e, di conseguenza, nemmeno la Costituzione italiana, così, di comune accordo, vennero stilate delle regole da seguire per tutti gli abitanti. Nel documento si leggeva che i ruderi non erano di proprietà di nessuno e chiunque avesse voluto stabilirsi nel villaggio avrebbe potuto scegliere scegliere il proprio e ristrutturarlo, usando esclusivamente i materiali ancora presenti sul territorio.

bussana-vecchia-liguria-(14)

Il tempo passò, Bussana Vecchia tornò al suo antico splendore e, ad oggi, rimane un piccolo borgo non riconosciuto dallo Stato e occupato da una colonia di artisti che ha saputo trarre il meglio da un luogo che nessuno voleva più. Un piccolo angolo di paradiso, un luogo magico, un laboratorio d’arte a cielo aperto dove tutti sono felici.

bussana-vecchia-liguria-(21)

bussana-vecchia-liguria-(16)

bussana-vecchia-liguria-(15)

bussana-vecchia-liguria-(11)

bussana-vecchia-liguria-(10)

bussana-vecchia-liguria-(9)

bussana-vecchia-liguria-(8)

bussana-vecchia-liguria-(7)

bussana-vecchia-liguria-(3)

bussana-vecchia-liguria-(2)

bussana-vecchia-liguria-(6) E per oggi è tutto! Spero di esserti stata utile, di aver risposto ai tuoi dubbi o, semplicemente di averti fatto compagnia per qualche minuto. Se hai ancora qualche dubbio, commento o vorresti che parlassi di qualche argomento in particolare lascia un commento qui sotto, ti risponderò al più presto!

Ps. Hai ancora qualche minuto libero? Ci vediamo sui social con il dietro le quinte della mia vita e tantissime storie inedite (e super buffe!).
instalice

Seguimi durante le mie avventure live su INSTAGRAM e stories!
(ne vedrai delle belle e ci divertiremo un sacco insieme).

Mi trovi come @ALICECEREA oppure, se non hai Instagram, da pc instagram.com/alicecerea

logo facebook

Ci vediamo anche sulla mia mia PAGINA FACEBOOK con tantissime news giornaliere.

Mi trovi come Alice Cerea, segui la mia pagina e rimaniamo in contatto!
(se ti va aggiungimi anche sul mio profilo personale).

youtube logo

Ami i video e le persone dal vivo? Allora ci vediamo sul mio CANALE YOUTUBE.

Pubblicherò un video alla settimana, promesso!

Iscriviti al mio canale, mi trovi come Alice Cerea, clicca sulla campanella e riceverai una
notifica per ogni nuovo video online!




alicecerea

One Comment

  1. the story of the town is quite fascinating, I’d love to visit that place since I’m an art enthusiast, I hope in our country there will be place filled with artist! Love this post

    Capturing Life Memoirs | aimeebustillo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *